• Marzia

Più Donne Che Uomini - Ivy Compton Burnett


Autrice britannica decisamente anticonvenzionale la Compton-Burnett può essere considerata come la cronista più spietata dei suoi tempi per i ritratti lucidi e impetuosi che tratteggia della società borghese del 900. Contrappone infatti alla morale rigida e inflessibile una verità fatta di intrighi, falsità, ipocrisie, tradimenti, amori omosessuali, eredità scomode e tutto ciò che più si distanzia dai valori convenzionali dell’epoca. Non è solo l’argomento trattato a rendere l’Autrice una scrittrice inconfondibile ma anche lo stile narrativo che è essenzialmente costituito da dialoghi. Sono sempre i personaggi a parlare di se stessi e sono proprio le loro parole a consentire al lettore di comprendere la natura spesso avida ed effimera delle loro anime. “Più donne che uomini”, scritto nel 1933, è un romanzo che definirei ipnotico per la potenza che sprigiona, per la struttura linguistica utilizzata, per la trama che nasconde una minuziosa e precisa ricerca di stampo sociologico e psicologico sulla natura delle relazioni. Al centro del romanzo troviamo i temi più cari all’Autrice, quelli legati alle contraddizioni, alle falsità e all’ipocrisia della società borghese britannica. Siamo in Inghilterra nei primi anni del Novecento, nel collegio femminile di stampo borghese diretto dall’irreprensibile Josephine Napier, donna poco avvezza ai sentimentalismi, calcolatrice estremamente misurata in tutte le sue relazioni. Josephine è il modello al quale tutti si ispirano, è il fulcro intorno al quale tutti ruotano e sono i dialoghi, quelli che ogni personaggio intrattiene con lei, a delineare uno spietato microcosmo di cinismo che si cela dietro alla parvenza di rapporti rigidi e formali. La struttura linguistica, la scelta delle parole, delle virgole, del tono è ciò che, a mio avviso, rende prezioso e unico questo romanzo. È dai dialoghi, serrati, fitti, ironici e pungenti che l’Autrice comunica la propria visione del mondo, sono i dialoghi che le consentono di smascherare l’essenza più vera dei suoi personaggi e della società del 900.  Buona lettura! 

Titolo: Piú donne che uomini 

Autore: Ivy Compton Burnett 

Traduttore: Stefano Tummolini

Editore: Fazi 

Collana: le strade

Listino€ 19,00

Pagine: 260 

#IvyComptonBurnett #Fazi #Piùdonnecheuomini #recensione

22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti