• Marzia

Vita da lettrice. #1 Ansia da separazione





Non so a voi ma a me succede di frequente. Leggo un libro, entro nella storia, mi immedesimo nei personaggi, respiro la loro stessa aria, li seguo discreta e condivido gioie e dolori. 

Proseguo la lettura con la febbrile urgenza di scoprire cosa succederà... un capitolo e smetto, ancora uno. Ok solo questo. Ok, ok... Arrivo fino al punto e chiudo. Intanto piano piano, le pagine lette aumentano e, inesorabile, la fine si avvicina.  

Ed è a quel punto che, inaspettato, sopraggiunge un senso indefinito di disagio, un malessere non meglio precisato, sintomi confusi, come un crescente stato d’allerta: la prospettiva insopportabile della separazione.

Perché il libro, o meglio, la sua lettura, termina. Puoi rallentare gustandoti piano le parole, assaporarle come fossero un tiramisù, puoi escogitare mille barbatrucchi ma la parola "fine" arriva. The end.

Ed è subito smarrimento. La convinzione che mai nessun altro libro potrà eguagliare quello appena terminato mi assale. Panico. 

Si materializza a questo punto un’esigenza: contattare l’Autore per dirgli che “no, bello, non puoi lasciarmi così. Hai iniziato questa cosa e la porti avanti! Adesso scrivi una saga, una raccolta, un’enciclopedia o quello che ti pare ma scrivi! Subito!” E hanno un bel dire quelli che scelgono altri hobby, quelli che corrono, quelli che vanno in palestra, quelli che collezionano francobolli! No cari miei, voi non avete idea di cosa sia il vero sacrificio, la passione, voi non soffrite ogni tre giorni, non vi straziate l’anima ogni volta, non vivete, come noi Lettori, mille vite... ognuna intensa, emozionante, straziante, gioiosa, fantastica, unica. 


Che ne sapete voi della dura vita del Lettore?  


#Booklover #BookAddicted

4 visualizzazioni
 

Modulo di iscrizione

©2019 di Un libro, una tazza di tè e il camice bianco. Creato con Wix.com