©2019 di Un libro, una tazza di tè e il camice bianco. Creato con Wix.com

  • Marzia

Peccato Mortale - Carlo Lucarelli





Quello tra il 25 luglio e l'8 settembre del 1943 è un periodo strano, allucinato. L'Italia si sveglia una mattina senza piú il fascismo e praticamente la mattina dopo con i tedeschi in casa. Proprio nel caos di quei giorni De Luca, in forza alla polizia criminale di Bologna, si trova a indagare su un corpo senza testa. Semplice, perché in fondo si tratta di un omicidio, un lavoro da cane da caccia: chilometri a vuoto, piste da seguire e qualche cazzotto da mettere in conto se ficchi il naso dove non dovresti. Complicato, perché la vicenda assume presto risvolti politici che, date le circostanze, diventano molto pericolosi. Comunque sia il caso, è nella natura di De Luca, va risolto. Sempre. Anche a costo di accettare un compromesso. 


Bologna 1943. 

Il commissario De Luca si muove nei giorni della caduta del fascismo per risolvere un misterioso omicidio: “Un corpo senza testa e una testa senza corpo”. 

De Luca indaga districandosi nel contesto sociale del post fascismo, quando ancora l’incertezza e la paura gravitano nell’aria, quando al commissariato cominciano a sparire le cimici dagli occhielli e l’ordine pubblico è l’elemento prioritario.

 

Mi piace De Luca, mi piace soprattutto il suo essere “comune”. Si tratta infatti di un personaggio in totale antitesi con l’americano carismatico e invincibile tanto in voga sui maxi schermi. Lui è un investigatore vecchio stampo, un poliziotto dallo spiccato carattere nazionalista, più incline a tener fede alle sue personali intuizioni piuttosto che compiacere i ranghi del potere. Sa ricercare il compromesso ma sembra sempre mantenere una sua integrità morale. 

Nelle sue parole e nei suoi gesti avverto sempre un sottofondo sfumato di inquietudine personale, di “impulsività ragionata”. Non ha caratteristiche sovrannaturali ma si distingue sempre per una sorta di timidezza delicata, per una tendenza all’introspezione e alla buona educazione, caratteristiche che non possono non piacere. 


La scrittura di Lucarelli è ponderata e minuziosa nelle descrizioni, piacevole e scorrevole. La narrazione delle indagini è efficace e convincente e, nel complesso, decisamente avvincente.  

Insomma... chi sarà l’assassino? 

A voi il piacere di scoprirlo! ...A me il piacere di non dirvelo! ;) 



Titolo: Peccato mortale

Autore: Carlo Lucarelli

Editore: Einaudi

Collana: Stile Libero Big

Prezzo: 17.50 euro

Pagine: 256

ISBN 9788806237530 

1 visualizzazione