• Marzia

La chat delle mamme. Crimine contro l'umanità.




Il fatto che il progresso e la tecnologia siano sempre un bene da salvaguardare è tutto da dimostrare.

Si perché io sono una donna di scienza, un medico, un San Tommaso de noi altri e che tutte queste modernità facilitino la vita di una mamma, è un concetto che non mi convince perché, per dirla tutta, a me la vita me l’ha complicata e non poco. E voglio dirlo. Voglio onorare la mia to do list di Settembre e liberarmi dal fardello che mi porto dentro.

Lo dico:

Il gruppo whatsapp delle mamme è il male, è l’abuso reiterato del diritto di parola, è la forma moderna di tortura. Una volta ti strappavano le unghie, adesso ti iscrivono in un gruppo whatsapp.


Io sogno un mondo migliore.

Nel mio mondo vorrei una regolamentazione severissima sull’utilizzo delle chat, vorrei chiare disposizioni di Legge. E per i trasgressori: Guantanamo. Per direttissima e con certezza della pena.

Perché ledere la quiete altrui è un reato gravissimo e farlo con l’assiduità e la costanza con cui lo fate Voi, è talmente irrispettoso da delineare un atto delittuoso contro ogni ragionevole dubbio.

Buona scuola… a tutte le mamme!

0 visualizzazioni

©2019 di Un libro, una tazza di tè e il camice bianco. Creato con Wix.com